Fotografia architettonica

 

Monumenti, palazzi, chiese ecc ecc. Chi di noi non si soffermato almeno una volta a guardare, a stupirsi e a prendere in mano la propria reflex per un ricordo o per immortalare un particolare.

Ciò che reputo essenziale in questo tipo di fotografia, in particolar modo se avete poco tempo per pianificare quali sono i vostri soggetti da fotografare, è il colpo d'occhio.

A meno che non dobbiate riprendere soggetti molto piccoli o molto lontani da voi, in questo tipo di fotografia l'obiettivo grandangolare è l'ideale per poter comunicare grandezza, bellezza, linee in entrata, linee in uscita con colori e luminosità adeguata. Sicuramente un 28mm, un 35mm o un 15mm sono lunghezze focali ottime.

architettura fotografica

Personalmente in questo tipo di fotografia cerco di mostrare e di indirizzare l'occhio verso tutte quelle particolarità che fanno del monumento in questione unico come ad esempio arcate di una chiesa, finestre, vetrate grossi colonnati. Queste caratteristiche di solito sono seguite dal nostro sguardo ogni volta che facciamo il nostro ingresso all'interno di questi luoghi e ci indirizzano verso l'osservazione dell'intera struttura, dandoci così una idea globale chiara e definita. Questo è proprio ciò che si prefiggevano gli architetti del passato e credo anche quelli del presente ed è proprio ciò che farà più esaltanti le vostre fotografie, questo perchè sarete in grado di far provare queste sensazioni a coloro i quali osserveranno le vostre immagini senza necessariamente essere presenti nei luoghi ritratti.

Il mio consiglio è osservare, osservare e ancora osservare, solo in seguito dopo aver capito cosa ci ha emozionato iniziare a scattare seguendo, "come strade in una cartina", l'andamento della struttura che stiamo visitando.

©Marco Pollini 2011-All rights reserved

 

Articoli - Pollini Photo Laboratory

www.polliniphotolab.com